La mia esperienza con OnePlus 6T dopo un mese di utilizzo

oneplus 6t design 11 min

OnePlus 6T è stato presentato oggi esattamente un mese fa. In questo articolo ho già commentato le mie prime impressioni su quello che è stato storicamente definito un flaship killer dopo poco più di una settimana di test. Sono trascorse quasi quattro settimane dalla pubblicazione del suddetto articolo e posso già dire di avere abbastanza esperienza per trarre conclusioni dal rinnovo di OnePlus 6 . Vale la pena spendere gli oltre 500 euro che costa? È davvero un rinnovamento rispetto alla generazione precedente? Come funziona il sensore di impronte digitali sullo schermo? Tutte queste domande e molte altre troveranno risposta nella mia recensione di OnePlus 6T.

Scheda tecnica di OnePlus 6T

schermo6,41 pollici con tecnologia AMOLED, risoluzione FullHD + (2.340 × 1.080 pixel), rapporto 19,5: 9 e protezione Corning Gorilla Glass 6
Camera principale- Sensore principale Sony IMX 519 da 16 megapixel, apertura focale f / 1.7, stabilizzazione ottica e pixel da 1,22 um

- Sensore secondario Sony IMX 376K da 20 megapixel, apertura focale f / 1.7, stabilizzazione ottica e pixel da 1,00 um

Fotocamera per selfie- Sensore principale Sony IMX 371 da 16 megapixel, apertura focale f / 2.0, stabilizzazione elettronica e pixel da 1,00 um
Memoria interna128 e 256 GB di spazio di archiviazione
EstensioneNon
Processore e RAMOcta-core Snapdragon 845, Adreno 630 e 6 e 8 GB di RAM
Tamburi3.700 mAh con ricarica super veloce Dash Charge
Sistema operativoAndroid 9 Pie con OxygenOS 9.0
Connessioni4G LTE, WiFi 802.11 ac, Bluetooth 5.0, GPS + GLONASS, NFC e USB tipo C 2.0
SIMDual nanoSIM
Design- Vetro davanti e dietro e alluminio sui bordi

- Colori: Midnight Black e Mirror Black

Dimensioni157,5 x 74,8 x 8,2 millimetri e 185 grammi
Funzionalità in primo pianoSoftware di sblocco facciale, lettore di impronte digitali su schermo, foto notturne migliorate e modalità di gioco configurabile
Data di rilascioOra disponibili
Prezzo549, 579 e 629 euro

Design al culmine della fascia alta del 2018

La serie OnePlus T è stata storicamente un cambiamento nel design. Poiché le caratteristiche tecniche sono, in sostanza, le stesse dell'originale OnePlus 6, è necessario guardare al design, che in questo caso si evolve. In termini generali, troviamo una costruzione di fascia alta con finiture di alta qualità .

oneplus 6t design 13 min

Il metallo sui bordi e il vetro sulla parte anteriore e posteriore sono i due materiali che compongono il corpo della 6T. Le sensazioni a portata di mano sono più simili a quelle di un cellulare di fascia alta che a quelle di uno di fascia media . Alcuni dei punti salienti di questo sono la solidità del suo corpo, la buona costruzione dei suoi componenti esterni (pulsanti del volume, bordi ...) e l'unione perfetta tra il retro e l'interno.

Per quanto riguarda le linee della parte posteriore e anteriore, troviamo un buon lavoro anche da OnePlus. L'uso frontale del suo schermo lo rende un cellulare davvero attraente. Infatti molti miei conoscenti mi hanno chiesto se fosse il nuovo iPhone , anche se sono riusciti velocemente a rispondere guardando la tacca in alto sullo schermo. È stata la mia prima esperienza con un cellulare con il nome errato della tacca e le impressioni sono state totalmente positive, forse a causa delle dimensioni ridotte del sopracciglio. Grazie a questo e al ridottissimo spessore dei suoi telai, il mobile è in grado di raggiungere l'86% di occupazione del frontale, cosa che pochi sono in grado di ottenere senza ricorrere a meccanismi di scorrimento.

oneplus 6t 7 minuti di design

E per quanto riguarda la parte posteriore? Sotto questo aspetto non c'è nulla da evidenziare, in quanto si fa risalire a quello del OnePlus 6 (ad eccezione del sensore di impronte digitali). L'unico aspetto degno di nota è il vetro di cui è composto il suo involucro. La sua rugosità e resistenza alle impronte la rendono, dal mio punto di vista, la migliore back cover del 2018 .

Ma non è tutto oro quel che luccica. Il design di OnePlus 6T, lungi dall'essere perfetto, presenta alcuni difetti. In primo luogo, l'aumento del suo schermo rispetto al modello precedente rende le applicazioni durante l'utilizzo del cellulare in verticale di difficile accesso con un solo dito . A questo proposito, avrei preferito un rapporto leggermente meno allungato (18: 9 o 18: 9) o una dimensione dello schermo più piccola.

Un'altra critica a questo è l'assenza di una porta per le cuffie . La mancanza di un minijack mi ha fatto scegliere in diverse occasioni di utilizzare il mio secondo cellulare di supporto per ascoltare la musica. Ovviamente la confezione include un adattatore da USB tipo C a jack da 3,5 mm, quindi questo problema è in parte risolto.

Schermo ben al di sopra della media nel suo prezzo

Lo schermo di OnePlus 6T, insieme al suo design, sono due dei punti salienti di OnePlus 6T. In sintesi, è costituito da un pannello AMOLED da 6,41 pollici con risoluzione Full HD +, rapporto 19,5: 9 e protezione Corning Gorilla Glass 6 . In pratica questo si traduce in un pannello di qualità.

oneplus 6t 3 minuti di progettazione

La rappresentazione dei colori e il loro livello di risoluzione sono più che adeguati per un cellulare di poco più di 500 euro. Supporta HDR e può essere calibrato da noi stessi tramite le impostazioni di visualizzazione di OxygenOS. Possiamo anche goderci qualsiasi contenuto in HD in applicazioni come Netflix o HBD perché è compatibile con Widevine L1 . Inoltre, ha Always On Display, la funzione che simula il funzionamento di un LED di notifica per mostrarci gli avvisi in arrivo.

Notevole è che ha l'ultima delle ultime novità in fatto di protezione dello schermo: Corning Gorilla Glass 6. Il dispositivo ha subito un paio di cadute a terra e ha  resistito perfettamente senza danni apparenti, quindi è presumibilmente resistente a qualsiasi situazione "forzata".

oneplus 6t 6 minuti di progettazione

La tonalità giallastra è dovuta al filtro dello schermo di notte. Può essere disattivato dalle impostazioni.

Dove ho perso un po 'di qualità è la sezione lucida. I dati tecnici ci dicono che ha 600 nits, e questo è evidente in ambienti soleggiati. Mentre è vero che la luminosità massima è più che corretta, sembra un po 'bassa in situazioni con luce naturale eccessiva . Non è una cosa allarmante, visto che vedremo il contenuto senza troppi problemi, ma se siamo fan della modalità oscura, dovremo attivare la modalità luce per poter vedere le applicazioni e le opzioni di sistema.

Il secondo aspetto di miglioramento, anche se questo dipende maggiormente dal sistema, sono i falsi positivi in ​​fondo. A causa del suo spessore molto ridotto, è normale premere sul palmo della mano opzioni come la Fotocamera o il registratore vocale di WhatsApp . L'integrazione di un LED per avvisarci dell'arrivo di notifiche è un altro aspetto che mi è sfuggito di questo.

Utile e veloce sensore di impronte digitali su schermo, anche se margini di miglioramento

La principale novità di OnePlus 6T rispetto al suo predecessore è il sensore di impronte digitali su schermo. La mia esperienza con questo è stata un po 'agrodolce.

Dopo aver ricevuto il terminale poco più di una settimana prima che fosse presentato ufficialmente, la velocità di riconoscimento e la sua affidabilità non è stata delle migliori, soprattutto se confrontata con quella del modello presentato a metà maggio. Non è stato fino alla terza settimana di utilizzo che, dopo diversi aggiornamenti, l'esperienza ha iniziato a migliorare. Attualmente sia la sua velocità che il suo grado di successo sono molto buoni . Oserei dire che sono superiori a quelli di altri modelli come l'Huawei Mate 20 Pro.

oneplus 6t design 15 min

Il ma in questo aspetto deriva proprio dalla natura della tecnologia dei sensori. Poiché ha un'area di riconoscimento abbastanza ridotta, dobbiamo essere precisi quando ci poniamo il dito sopra . Poiché l'unico segnale di chiamata che abbiamo sullo schermo è un cerchio, è normale premere il secondo se non abbiamo familiarità con il suo utilizzo. Una volta che conosciamo la sua posizione, il riconoscimento è solitamente veloce , sebbene possa essere migliorato rispetto al sensore tradizionale. Qui possiamo solo aspettare che arrivino nuove tecnologie (il sensore ultrasonico è in arrivo) o che la regione si espanda per riconoscere il dito con un sensore più grande.

oneplus 6t design 14 min

Da segnalare infine l'ottimo funzionamento del Face Unlock . La sua velocità e affidabilità significano che non dobbiamo utilizzare il sensore di impronte digitali sullo schermo solo di notte e nel buio più totale. Nella maggior parte dei casi il sistema ha riconosciuto la mia faccia ancor prima che potessi toccare lo schermo. Non è il sistema più sicuro in quanto non dispone di sensori a infrarossi, ma nella mia esperienza è il più veloce al mondo e di gran lunga superiore agli attuali iPhone XS e XS Max anche in ambienti con scarsa illuminazione.

Le migliori prestazioni che puoi vedere su un cellulare

Né l'iPhone né il Google Pixel, le migliori prestazioni sono OnePlus 6T. Al di là delle sue specifiche tecniche, che sono composte, nel caso della mia unità, da un processore Snapdragon 845, 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna , ciò che influenza il corretto funzionamento del terminale è il suo sistema: Android 9 Pie sotto OxygenOS.

Animazioni veloci, risposta istantanea, decine di applicazioni aperte contemporaneamente, schermo diviso perfettamente utilizzabile, giochi come Fortnite totalmente fluidi… Questo è il riassunto della mia esperienza con OnePlus 6T durante poco più di un mese di utilizzo. In breve, è stato il cellulare che mi ha dato la migliore esperienza da quando ho acquistato il mio primo smartphone nel 2009. Le prestazioni nelle attività leggere sono perfette e avremo la stessa esperienza usando giochi come PUBG o Fortnite.

oneplus 6t layout di 1 min

Per quanto riguarda l'utilizzo dei giochi, Oxygen OS integra una modalità di gioco che si attiva automaticamente all'apertura di un titolo . Grazie a questo, il cellulare ci darà tutte le prestazioni disponibili avendo tutta la potenza del processore. Ha anche una modalità chiamata Applicazioni parallele che ci permette di duplicare applicazioni come WhatsApp, Instagram o Facebook.

L'ultimo punto che vorrei sottolineare è il microfono. Sebbene non sia direttamente correlato alla sezione sulle prestazioni della squadra, è correlato all'esperienza generale. Sia la qualità che la chiarezza nella registrazione delle voci sono ampiamente valide  praticamente in tutte le applicazioni del sistema. L'unica app che ha avuto un conflitto con questa è WhatsApp.

Dato che ho il terminale tra le mani, la registrazione di messaggi vocali e audio lascia molto a desiderare, soprattutto in termini di volume e quantità di compressione . Praticamente tutti i miei contatti mi hanno segnalato che il suono è piuttosto scadente e di bassa qualità. Sebbene sia sicuro che sia un bug del software, non potevo mancarlo in analisi.

Caratteristiche interessanti di OxygenOS

Il livello di personalizzazione di OnePlus merita una menzione a parte. Oltre alle prestazioni da esso offerte, OxygenOS dispone di una serie di interessanti funzionalità per migliorare l'esperienza mobile.

Vi lasciamo di seguito con alcune delle caratteristiche principali di questo:

  • Cambiamento di colore nel tema
  • Launcher compatibile con icon pack
  • Possibilità di scegliere il colore dell'interfaccia (chiaro, scuro e predefinito)
  • Proprio sistema di gesti simile a iOS
  • Display ambientale
  • Possibilità di calibrare lo schermo manualmente
  • Equalizzatore audio integrato
  • Accensione e spegnimento programmati
  • Blocco app con password
  • Gesti rapidi
  • Pulsanti del volume configurabili

Fotocamere migliori del previsto con un unico ma: il software

Se c'è qualcosa che è stato storicamente attribuito a OnePlus è stata la qualità delle sue fotocamere. Sebbene questo modello abbia gli stessi obiettivi e sensori del suo predecessore (doppia fotocamera da 16 e 20 megapixel con apertura focale f / 1.7 e stabilizzazione ottica), la qualità complessiva delle foto è superiore grazie alla migliore elaborazione delle immagini .

oneplus 6t design 5 min

In generale, la fotocamera di OnePlus 6T si colloca, a mio parere, al di sopra di alcuni modelli di fascia alta . I risultati ottenuti sia di giorno che di notte sono di qualità. Di giorno, la sua gamma dinamica, le capacità macro e lo zoom ottico 2x rendono OnePlus 6T una delle fotocamere più versatili oggi.

Questo si traduce anche nella fotografia notturna. Il livello di luminosità raggiunto anche in modalità automatica è paragonabile a quello di altri smartphone con apertura maggiore come il Samsung Galaxy Note 9. Il rumore, sebbene alquanto percettibile nelle situazioni più complesse, è appena percettibile nella maggior parte delle situazioni di scarsa illuminazione .

Modalità ritratto dell'app Fotocamera OnePlus.

Zoom ottico 2x

Quando si tratta di registrazione video, qui il cellulare mi ha sorpreso molto. La stabilizzazione ottica dei due sensori fa sì che la stessa qualità che abbiamo visto nelle foto venga trasferita ai video. Anche in 4K a 60 FPS il video è stabile e senza alcuna sporgenza apparente. Inoltre, l'autofocus rimane su una qualsiasi delle qualità selezionate nell'app della fotocamera.

Anche la fotocamera frontale merita una menzione a parte. La sua alta risoluzione e il livello di apertura ci consentono di scattare foto di qualità relativamente buona. Non è il miglior sensore in commercio, perché a volte l'interpretazione del colore può essere migliorata e il grado di apertura non consente di scattare fotografie di gruppo . Tuttavia, e parlando sempre in termini generali, ci aiuta a scattare buoni selfie sia di giorno che di notte. In quest'ultimo, l'applicazione include un flash in avanti sullo schermo per illuminare il nostro viso se non siamo lontani dal telefono.

Risultati della fotocamera frontale di OnePlus 6T.

Ma non tutto sarebbe andato bene nella fotocamera di OnePlus 6T. A partire dal software, i punti in cui la fascia alta del brand cinese vacilla di più sono in HDR e in modalità notturna . In entrambe le modalità, l'intervento del software è eccessivamente evidente. Nel caso dell'HDR, la maggior parte delle fotografie ha un alone di luce nel contorno delle figure o del corpo su cui ci stiamo concentrando . Può essere visto nell'immagine qui sotto.

IMG_20181117_160458-min

Effetto alone per foto HDR.

Per quanto riguarda la modalità notturna, ho confrontato il risultato con la modalità notturna dell'applicazione Google Camera (Google Pixel 3 in questo caso) con lo stesso cellulare ed i risultati non c'entrano nulla. Nell'app Fotocamera OnePlus nativa si perde il contrasto e parte del dettaglio dei corpi e si ottiene un effetto levigante che mi sembra troppo aggressivo. La luminosità, sebbene abbastanza riuscita, non ha nulla a che fare con quella della Google Camera. Possiamo vederlo appena sotto questo paragrafo.

Modalità notturna di Google Camera (a sinistra), modalità manuale della fotocamera OnePlus (al centro) e modalità notturna della fotocamera OnePlus (a destra).

L'ultimo punto di miglioramento delle sue fotocamere posteriori è dato dalla registrazione al rallentatore. Fino a 480 FPS con qualità HD è ciò che possiamo ottenere in modo nativo su OnePlus 6T. In questo senso mancano una maggiore qualità e quantità di risoluzione e FPS e la possibilità di realizzare video con registrazione del suono.

Tutte le modalità della fotocamera di OnePlus 6T

Se vuoi conoscere tutte le modalità della fotocamera di OnePlus 6T, ti lasciamo di seguito con un elenco completo:

Modalità predefinite della fotocamera

fotocamera oneplus 6t 2

Modalità fotocamera automatica (app OnePlus 6T Camera)

  • Modalità video (720p, 1080p, 1080p a 60 FPS, 4K e 4K a 60 FPS)
  • Modalità foto (autoscatto, cambio formato, flash, HDR, zoom ottico 2x e zoom digitale 8x)
  • Modalità ritratto (autoscatto, modalità sfocatura e modalità bellezza)
  • Modalità notturna (timer e cambio aspetto)

Modalità avanzate della fotocamera

fotocamera oneplus 6t

Modalità fotocamera manuale (app OnePlus 6T Camera)

  • Modalità professionale (salvataggio delle impostazioni manuali, scatto RAW, autoscatto, cambio aspetto, ISO, bilanciamento del bianco, apertura, messa a fuoco ed esposizione
  • Modalità time-lapse (720p, 1080 e flash)
  • Modalità Panorama
  • Modalità rallentatore (720p a 480 FPS e 1080p a 240 FPS)

Delle migliori autonomie e tecnologie di ricarica del 2018

Forse uno dei punti in cui OnePlus 6T. Il punto meno notevole di OnePlus 6 è stato quello dell'autonomia, con una media di circa 5 ore e mezza di schermo attivo. Con il suo rinnovamento, OnePlus non solo migliora questa mancanza, ma aiuta anche ad elevare il 6T al podio dei cellulari con una migliore autonomia .

batteria oneplus 6t 2

I primi giorni di utilizzo mi hanno lasciato un po 'freddo nei numeri. Tuttavia, dopo diversi aggiornamenti, il terminale è in grado di superare 7 ore di schermo più che sufficienti . Il mio utilizzo è stato vario durante questo mese di utilizzo: fotografia, giochi casual come FIFA 19 o Q12, utilizzo del multitasking con applicazioni di lavoro (Slack, Telegram, Feedly ...) e riproduzione di musica e audio. È vero che a volte l'autonomia è scesa a 6 ore e mezza di utilizzo continuo, anche se in generale OnePlus è in grado di mantenere le suddette 7 ore in modo abbastanza solvente.

batteria oneplus 6t 1

Ma se c'è qualcosa di più sorprendente della sua autonomia, è la velocità di caricamento. Poco più di un'ora è il tempo necessario al caricatore originale per caricare completamente la batteria da 3.700 mAh grazie alla tecnologia Dash Charge. Nello specifico, un'ora e un quarto, a seconda della percentuale di carico che abbiamo all'inizio. Il terminale non si è mai riscaldato al di sopra della sua temperatura di base, né durante la ricarica né durante l'uso quotidiano. A questo proposito, non posso fare a meno di parafrasare il signor Burns: eccellente.

Il suono migliora rispetto al suo predecessore

Il suono è la cosa più grande dimenticata nella maggior parte delle recensioni sui dispositivi mobili, ma come musicista e audiofilo, non potevo lasciarlo andare. La mia esperienza al riguardo è stata positiva.

In termini generali troviamo un suono di buona qualità . Ha sfumature che ci fanno guardare le frequenze più basse. Inoltre, l'alone che circonda il suono del suo singolo altoparlante è in grado di avvolgere la maggior parte degli stili musicali. Nessun suono metallico o piatto.

oneplus 6t design 12 min

E il volume? Alto, forse nel mezzo della gamma alta, anche se inferiore a quanto ci si aspetterebbe . Il problema sarebbe risolto con l'integrazione di un secondo altoparlante stereo, anche se è comprensibile che in questa fascia di prezzo abbiano scelto di avere un unico altoparlante su uno dei bordi del dispositivo.

Connettività corretta, ma può essere migliorata

Nella sezione connettività, OnePlus 6T viene caricato con praticamente l'ultima delle ultime novità. Bluetooth 5.0, NFC, WiFi dual band… Insomma, con le ultime novità sul mercato. Forse non puoi chiedere di più a un cellulare che costa poco più di 500 euro ... O sì.

Alcune delle connessioni che mi sono perse su questo OnePlus 6T sono la connessione per il jack delle cuffie o l'integrazione di una USB con tecnologia 3.0 per collegare il terminale a uno schermo esterno ed eseguire le funzioni del computer. È vero che attualmente sono pochi i telefoni dotati di questa tecnologia più recente, ma sarebbe apprezzato se OnePlus la includesse di serie.

In caso contrario, nulla può essere attribuito al dispositivo. L'assenza della ricarica wireless non è mancata in nessun momento, in quanto si tratta di una tecnologia che secondo me è ancora agli inizi.

Conclusioni

Dopo aver visto tutti i punti importanti di OnePlus 6T, è il momento di trarre conclusioni. Dopo più di un mese e mezzo di test del dispositivo, le mie conclusioni sono chiare: è il miglior cellulare di fascia alta che puoi acquistare per 549 euro . Non solo è il cellulare più bilanciato di oggi, ma si distingue dagli altri dispositivi in ​​aspetti che hanno davvero importanza per l'utente.

oneplus 6t design 8 min

In sintesi, il dispositivo offre la migliore esperienza Android pura che puoi avere su un telefono grazie alle sue funzionalità e all'integrazione OxygenOS. Evidenzia inoltre la sua autonomia e velocità di ricarica grazie alla già citata tecnologia Dash Charge. E sì, le fotocamere sono al livello del resto dei cellulari di fascia alta come l'iPhone XS Max, il Samsung Galaxy Note 9 o anche il Google Pixel 3 XL che abbiamo recentemente analizzato. Il design, sebbene simile a quello di altri dispositivi, a mio avviso è proclamato come uno dei più accattivanti del 2018.

È vero che, come abbiamo visto in alcune sezioni, il cellulare presenta alcune lacune, ma tenendo presente che il suo prezzo non supera i 550 euro nella versione più basica con 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna, lo è qualcosa che può essere perso. Puoi trovarlo sulla pagina OnePlus in spagnolo.