Le mie prime 24 ore a testare l'Huawei P20 Pro

Le mie prime 24 ore con Huawei P20 Pro

Sigillo Huawei P20 Pro

Nuovo design in vetro, ampio schermo OLED senza cornici e con notch, tanta potenza e, soprattutto, tre fotocamere sul retro. Suona bene, vero? Questo è quello che ho pensato quando mi hanno detto che stavo per testare l'Huawei P20 Pro . Il flagship Huawei presentato di recente arriva pronto a scuotere la fascia alta dei telefoni Android. Dimentica tutto ciò che hai visto su Huawei P10 Plus, perché tutto è cambiato.

Huawei P20 Pro ha due armi chiare per far innamorare gli utenti. Il primo è la sua sezione fotografica . L'azienda è impegnata in una squadra composta da un triplo sensore, separandosi così dai suoi rivali più diretti. Inoltre, è potenziato con un potente sistema di intelligenza artificiale.

Consigliato dal tuo esperto

Il secondo, il suo nuovo design, che include un grande schermo con la famosa tacca al centro. Basterà a convincere gli utenti più esigenti? Ti dico come appare l'Huawei P20 Pro dopo le mie prime 24 ore con esso . Ma posso dirti che sembra davvero buono.

Scheda tecnica Huawei P20 Pro

schermoFHD + da 6,1 pollici, 2.240 x 1.080 pixel, 18,7: 9 OLED, 408 pixel per pollice
Camera principale- Sensore RGB da 40 mp (tecnologia di fusione della luce), f / 1.8

- Sensore monocromatico da 20 megapixel, f / 1.6

- Teleobiettivo da 8 megapixel

Fotocamera per selfie24 megapixel, f / 2.0, video Full HD
Memoria interna128 GB
EstensioneNon
Processore e RAMKirin 970 con NPU (Neural Processing Chip), 6 GB di RAM
Tamburi4.000 mAh, ricarica rapida
Sistema operativoAndroid 8.1 Oreo / EMUI 8.1
ConnessioniBT 4.2, GPS, USB Type-C, NFC
SIMnano SIM
DesignMetallo e vetro, certificati IP67, colori: nero, blu, rosa e multicolore
Dimensioni155 x 73,9 x 7,8 mm, 185 grammi
Funzionalità in primo pianoZoom ibrido 5X, Stabilizzazione intelligente dell'immagine, Esposizione lunga a mano libera, Super Slow Motion 960 Frame HD, Sblocco scansione facciale, Infrarossi
Data di rilascio12 aprile 2018
Prezzo900 euro

Prima impressione fuori dagli schemi

Vi racconto subito delle telecamere, ma dicono che quello che conta è la prima impressione, giusto? Bene, la prima impressione quando si estrae l'Huawei P20 Pro dalla scatola non potrebbe essere migliore.

prime 24 ore con la cover posteriore del Huawei P20 Pro

La parte posteriore è quasi come uno specchio

Nella mano senti un terminale robusto, di alta qualità. Il suo retro in vetro lucido è davvero carino. Ma anche molto sporco. Le stampe sono segnate con il minimo tocco delle nostre dita. Qualcosa che può essere un mal di testa per i più maniaci, ma che si verifica in quasi tutti i terminali di fascia alta.

Riflette così tanto che può essere utilizzato perfettamente come specchio . Il mio terminale di prova ha un bel colore blu, che si distingue per la suddetta luminosità. Le cornici sono metalliche, in colore cromo.

prime 24 ore con i telai Huawei P20 Pro

Cornici in cromo scuro

Entro pochi secondi da averlo in mano, puoi vedere il suo peso. Il mio telefono per l'uso quotidiano (quando non sto testando altri terminali) è solitamente un iPhone X, un telefono che pesa 174 grammi. E gli 11 grammi in più che pesa il P20 Pro sono evidenti . Non fraintendermi, non è fastidioso, ma la prima volta che lo raccogli attira la tua attenzione.

Dopo aver inserito la scheda SIM (più tardi vi racconterò una sorpresa che ho trovato) accendo il terminale, dato che viene fornito con batteria al 100%. Non appena lo accendo, vedo che lo schermo è un altro dei punti di forza di questo cellulare. Il suo pannello OLED da 6,1 pollici con risoluzione FHD + sembra oltraggioso.

prime 24 ore con il confronto notch del Huawei P20 Pro

Tacca del P20 Pro vs tacca dell'iPhone X.

Ma cos'è quella piccola tacca in alto? In effetti, è il famoso notch, island, sopracciglio o come vuoi chiamarlo. È molto più piccolo del terminale Apple . Vedo che Huawei lo ha utilizzato per posizionare la fotocamera frontale e un piccolo altoparlante.

Dopo un noioso processo di configurazione iniziale, poiché dobbiamo configurare le opzioni Android e anche l'EMUI, arriviamo al menu principale del terminale. C'è molto software installato in fabbrica, ma ne parlerò nell'analisi approfondita. Non vedo l'ora di provare la tripla fotocamera!

Tre fotocamere sono meglio di due?

prime 24 ore con la tripla fotocamera del Huawei P20 Pro

La tripla fotocamera posteriore del Huawei P20 Pro

Huawei ha posizionato le tre fotocamere nell'angolo in alto a sinistra e in posizione verticale. Quando metto per la prima volta il telefono sul tavolo per cercare la SIM, noto che diventa leggermente zoppo. Certo, è perché le due fotocamere principali sporgono dal case . È interessante notare che il terzo sensore è completamente integrato. Sotto i tre sensori c'è il flash.

Ma prima di iniziare a girare, vale la pena ricordare cosa ho tra le mani. Da un lato, la doppia fotocamera "tradizionale" di Huawei, ovvero un sensore RGB e un sensore monocromatico. Tuttavia, quest'anno li hanno spinti al limite, con 40 megapixel f / 1.8 per il sensore a colori e 20 megapixel f / 1.6 per il sensore in bianco e nero .

Inoltre, è stato aggiunto un terzo sensore teleobiettivo da 8 megapixel ef / 2.4 . Quest'ultimo ha la stabilizzazione ottica dell'immagine.

prime 24 ore con le modalità della fotocamera Huawei P20 Pro

I dati sono incoraggianti, quindi vediamo come funzionano le telecamere. Apro l'applicazione e vedo che è leggermente cambiata rispetto ad altri telefoni Huawei. Ora le modalità si cambiano scorrendo a sinistra ea destra , con un'interfaccia più simile a quella dei telefoni Samsung e Apple.

Abbiamo un gran numero di modalità disponibili . Così tanti che hanno dovuto inserire un pulsante "Altro" nella riga della modalità. Non dimenticarlo, perché in questa sezione abbiamo alcune delle modalità più interessanti.

prime 24 ore con l'immagine del giorno di Huawei P20 Pro

Foto con molto sole, zoom 1x

Al momento lo lascio in modalità "Foto", sta succedendo quella normale. Non appena ci concentriamo su qualcosa, vediamo che sullo schermo, per un minimo istante, compaiono dei quadratini in movimento e dietro di essi un cartello che ci dice cosa stiamo fotografando. Il sistema di intelligenza artificiale che include Huawei P20 Pro è stato messo in atto per identificare la scena.

prime 24 ore con l'immagine del fiore di Huawei P20 Pro

Immagine con un'ottima luce naturale

Nella foto che hai appena sopra, il sistema di intelligenza artificiale del P20 Pro ha rilevato che stava fotografando una pianta. Così ha cambiato i colori per esaltare il verde e il rosso della pianta.

È ora di provare lo zoom. L'incorporazione di un terzo teleobiettivo ci consente di ingrandire fino a 5x . Lo abbiamo posizionato nella parte superiore dello schermo e dobbiamo semplicemente cliccarci sopra per ingrandire l'immagine. Ovviamente, dobbiamo essere in modalità Foto, poiché in modalità Ritratto abbiamo solo uno zoom fino a 3x .

prime 24 ore con l'immagine del fiore di Huawei P20 Pro con zoom 5x

Zoom 5x con una buona luce naturale

prime 24 ore con l'immagine della vegetazione del Huawei P20 Pro con zoom 5x

Zoom 5x da un ottavo piano

Nella foto precedente, semplicemente puntando il terminale, ha riconosciuto che stava fotografando la vegetazione e ha cambiato i colori per evidenziare il verde degli alberi.

Vado a fare una passeggiata per rendergli un po 'più difficile. Vediamo come funziona con una delle cose più difficili da fotografare per qualsiasi fotocamera: la luna.

prime 24 ore con Huawei P20 Pro luna con zoom 5x

Zoom 5x per fotografare la luna

I risultati sono davvero sorprendenti se teniamo conto che stiamo scattando la foto da un cellulare. A maggior ragione se teniamo conto che sto scattando la foto a mano libera e che ho un polso piuttosto instabile.

Mettendo da parte lo zoom (abbastanza avvincente), vado a provare altre modalità. Ad esempio la modalità bianco e nero , così caratteristica dei top di gamma di Huawei negli ultimi anni.

prime 24 ore con la modalità bianco e nero di Huawei P20 Pro

Modalità in bianco e nero

E non riesco a smettere di provare la modalità ritratto , così di moda ultimamente. Huawei P20 Pro offre anche la possibilità di scattare con diversi effetti di luce, proprio come fa l'iPhone X. Ma lo lasceremo per un'analisi approfondita.

prime 24 ore con la modalità ritratto di Huawei P20 Pro

Modalità ritratto con zoom 3x

Cala la notte, perfetta per me per provare la “Night Mode” del Huawei P20 Pro. Secondo il produttore, la stabilizzazione assistita da AI che il terminale include permette di scattare con lunga esposizione (8 secondi) a mano libera .

Nel mio caso l'ho testato in condizioni estreme, con un'oscurità praticamente totale. Qui hai la foto in modalità normale e la foto in modalità notturna.

prime 24 ore con la foto di Huawei P20 Pro di notte in modalità normale

Foto notturna in modalità normale

prime 24 ore con la foto di Huawei P20 Pro di notte in modalità notturna

Stessa foto in modalità notturna

La seconda foto è stata scattata in "Modalità notturna". Quando scattiamo in questa modalità, appare un conto alla rovescia in cui dobbiamo mantenere il terminale puntato per il tempo indicato .

Il risultato è davvero impressionante. Innanzitutto evidenzia la foto originale, che mostra una qualità molto buona per l'oscurità quasi completa della scena. Ma è che con la "modalità notturna" ciò che non si vede nell'originale riappare . Sì, è vero che abbiamo un rumore considerevole e non è così chiaro come potrebbe essere, ma devi tenere presente che l'originale è totalmente oscuro.

prime 24 ore con il selfie di Huawei P20 Pro con la fotocamera frontale

Selfie con la fotocamera frontale

La fotocamera frontale ha un sensore da 24 megapixel con apertura f / 2.0 . Anche se mostra che ha molta definizione, penso che bruci un po 'le foto. Forse è a causa della modalità bellezza, da cui possiamo configurare la sua intensità. Farò più prove in questi giorni per trarre una conclusione migliore.

Una vecchia conoscenza dentro

Huawei aveva molti fronti a cui rivolgersi. Una riprogettazione completa, una fotocamera rivoluzionaria e un set tecnico migliorato. Quindi, per quest'ultimo punto, hanno deciso di sfruttare ciò che già avevano.

Huawei P20 Pro include il processore Kirin 970 all'interno . È lo stesso che abbiamo visto nell'Huawei Mate 10 e si comporta come un incantesimo.

prime 24 ore con Huawei P20 Pro in riproduzione

Il P20 Pro non ha problemi con i giochi più impegnativi

In queste 24 ore ho fatto un uso intensivo del terminale e tutto ha funzionato perfettamente . Ho persino giocato a PUBG per un po ', impostando il gioco stesso su una grafica elevata rilevando l'hardware del terminale.

Non ho nemmeno avuto problemi con il multitasking. Tutto si apre velocemente, senza ritardi o attese. Sicuramente i suoi 6 GB di RAM hanno molto a che fare con questo.

prime 24 ore con le app Huawei P20 Pro preinstallate

Molte app preinstallate

Ma ti ricordi che dovevo raccontarti la sorpresa che ho trovato quando ho rimosso il vassoio della SIM? Bene, l'Huawei P20 Pro non ha uno slot per schede microSD . L'azienda ha quindi deciso di dotare il terminale di 128 GB di memoria interna . Una capacità che, d'altra parte, sarà più che sufficiente per quasi tutti gli utenti.

Parlerò di più di EMUI nell'analisi completa, ma posso dirti che funziona perfettamente . Forse su alcune applicazioni preinstallate, ma in generale il suo aspetto e il suo funzionamento sono più che corretti.

Voglio di più

Dopo 24 ore di utilizzo di Huawei P20 Pro, posso solo dire che voglio di più . Vuoi scoprire tutto ciò che nasconde il nuovo flagship Huawei.

Il suo design, senza essere rivoluzionario, mi ha conquistato. Potrebbe non essere spettacolare a prima vista come il Samsung S9 +, ma non appena lo maneggi un po 'ti rendi conto di essere di fronte a un ottimo cellulare .

Prime 24 ore con l'ultimo Huawei P20 Pro

Huawei P20 Pro

Ma è che le prime impressioni con le fotocamere non possono essere migliori . È troppo presto per dirlo, ma forse stiamo guardando la migliore fotografia mobile del momento. Quello che fa con la fotografia notturna è davvero impressionante. Tuttavia, lo testeremo a fondo nei prossimi giorni per vedere di cosa è capace e, perché no, dove fallisce.

Tra pochi giorni pubblicheremo l'approfondimento del terminale, ma già vi diciamo che non delude . Se ti interessa, dovresti sapere che Huawei P20 Pro arriverà in Spagna il 12 aprile con un prezzo di 900 euro .

Huawei P20 Pro presenta un premio esperto